- Pubblicità -spot_img
HomeCronacaIncidenti in montagna

Incidenti in montagna

- Pubblicità -spot_img

Di seguito vi riportiamo alcuni degli avvenimenti riguardanti gli incidenti in montagna avvenuti nel fine settimana (26-27 agosto 2023) in provincia di Belluno e dintorni.

Comelico Superiore (BL), 26 – 08 – 23

Un’escursionista tedesca ha perso la vita sabato mattina, precipitando per circa 200 metri dalla Ferrata Bepi Martini al Campanile Colesei, che stava percorrendo assieme al marito.

Scattato l’allarme verso le 10.30, sul posto è volato l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore, che ha individuato il luogo dove si trovava il corpo sotto la parete, nel canalone su cui passa a zig zag il sentiero che sale dal Rifugio Lunelli verso l’attacco della Ferrata. Sbarcati con un verricello di 20 metri tecnico di elisoccorso e medico, non si è potuto far altro che constatare il decesso della 55enne tedesca.

La salma è stata imbarellata e, non appena giunto il nulla osta per la rimozione, recuperata, per essere trasportata in piazzola a Padola e affidata al Soccorso alpino della Guardia di finanza. Il marito, che aveva assistito all’incidente è poi sceso fino a dove si trovava il corpo senza vita della moglie.

Dalle sue parole la donna, che era perfettamente attrezzata, nel momento della caduta era slegata dal cavo e si era staccato l’appiglio a cui si teneva. L’uomo è stato accompagnato a valle dai tecnici del Soccorso alpino della Val Comelico, uno dei quali era già casualmente sul posto.

Belluno, 26 – 08 – 23

Attorno alle 14:00 di sabato, Falco 2 è volato lungo l’Alta via dei Rondoni, a Tambre, dove all’altezza di Forcella Colombera un’escursionista di 32 anni di Ferrara era scivolata dal sentiero, ruzzolando una decina di metri.

La donna, che si trovava con il marito poi sceso assieme a un’altra persona sul posto, è stata raggiunta dal personale sanitario e dal tecnico di elisoccorso. Prestatele le prime cure per un sospetto trauma cranico e per una ferita alla testa, l’infortunata è stata imbarellata, issata a bordo con un verricello di 10 metri e condotta all’ospedale di Belluno.

Un altro soccorso alle 15:00


Verso le 15:00 Falco 2 è stato inviato in Val Frison, a Santo Stefano di Cadore, dove, primo di cordata, un alpinista era volato una decina di metri all’ottavo tiro della Via del Tipico sul Merendera.

Il 31enne di Staranzano (GO), con  sospetto trauma cranico, al volto e a un polso, è stato recuperato con un verricello di 30 metri e trasportato all’ospedale di Treviso. Imbarcato e portato a valle anche il compagno.

Belluno, 26 – 08 – 23

Nel pomeriggio di sabato l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto per due differenti scivolate sulle montagne di Cortina. Sopra il Rifugio Scoiattoli per una 60enne di Teolo (PD), che aveva riportato la sospetta frattura di tibia e perone.

Atterrati in piazzola, equipe medica e tecnico di elisoccorso hanno raggiunto a piedi la donna, l’hanno stabilizzata e trasferita sull’eliambulanza.

Di seguito i soccorritori sono sbarcati in hovering sotto Forcella Lagazuoi, dove un 78enne di Loreggia (PD), si era fatto male a una gamba ed è stato recuperato con il verricello. Entrambi gli inforunati sono stati trasportati all’ospedale di Belluno. Successivamente è scattato l’allarme per una cordata di alpinisti in difficoltà sulla parete sud della Marmolata.

I due scalatori, 32 anni lui, 22 anni lei, di Valdagno (VI), 200 metri sotto la cima erano stati colti dal temporale, sulla variante Messner della Via Vinatzer.

Fissato il campo base al Rifugio Falier, l’elicottero è salito in quota sotto la pioggia e, dopo averli individuati in parete, è riuscito a calare alla loro altezza il tecnico di elisoccorso con un verricello di 90 metri. Entrambi gli alpinisti sono stati recuperati e lasciati al Rifugio Falier.

Cesiomaggiore (BL), 27 – 08 – 23

Ieri mattina attorno alle 9 Falco 2 è stato inviato in Val Canzoi, a Casera Cansech, dove un 54enne di Fiesole (FI) aveva riportato un probabile trauma alla gamba.

Attivata in supporto alle operazioni anche una squadra del Soccorso alpino di Feltre. Equipe medica e tecnico di elisoccorso, atterrati nelle vicinanze, hanno prestato le prime cure all’uomo, per poi imbarellarlo e imbarcarlo.

Mentre l’eliambulanza volava all’ospedale di Feltre, i soccorritori vi riportavano l’auto dell’uomo. Il Soccorso alpino di Feltre, ottenute le coordinate del punto in cui si trovavano, è poi partito per rintracciare due escursionisti che, assieme al loro cane, avevano perso il sentiero in Val Lunga, una laterale della Val Canzoi, a nord di Forcella San Mauro.

Quando la coppia –  28 anni di Castello di Godego (TV) lei e 30 anni di Campo San Martino (PD) lui – ha risposto ai richiami, i soccorritori la hanno individuata. Raggiunti, i due escursionisti sono stati riaccompagnati alla loro macchina. L’intervento si è concluso verso le 16:15

Rocca Pietore (BL), 27 – 08 – 23

Ieri, l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto lungo il sentiero 610 che porta a Malga Ombretta, per un escursionista che aveva riportato una sospetta frattura all’altezza della caviglia a causa di una scivolata, sul posto già presente il Soccorso alpino della Val Pettorina.

Sbarcati con un verricello di 30 metri, equipe medica e tecnico di elisoccorso hanno prestato le prime cure al 77enne di Siena, che si trovava con amici, per poi imbarellarlo, recuperarlo e trasportarlo all’ospedale di Belluno. 

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img
Rilevanti
- Pubblicità -spot_img
Ultime News
- Pubblicità -spot_img