- Pubblicità -spot_img
HomeAttualitàNuova Casa di Comunità a Thiene: oltre 1,4 milioni di euro per...

Nuova Casa di Comunità a Thiene: oltre 1,4 milioni di euro per una struttura più moderna ed accogliente per i cittadini

- Pubblicità -spot_img

Gli interventi prevedono la realizzazione di un nuovo Punto Prelievi e di una nuova area per la fisiokinesiterapia.

È un doppio intervento di grande portata quello previsto dall’ULSS 7 Pedemontana a Thiene, nell’ambito dell’attivazione al Boldrini della nuova Casa della Comunità prevista dai progetti finanziati dal PNRR.

La prima opera consiste nella realizzazione al piano terra di una nuova grande area nella quale saranno collocati il Punto Prelievi e i servizi territoriali della Medicina Trasfusionale, mentre al secondo piano saranno realizzati nuovi spazi per il servizio di fisiokinesiterapia (attualmente al piano terra).

Gli interventi

La superficie complessiva oggetto dell’intervento è pari a 1.298 mq, per un investimento totale di 1.480.000 euro. Come da cronoprogramma, l’Ulss 7 Pedemontana ha già affidato l’esecuzione del progetto esecutivo, che sarà completano entro il 2023, mentre i lavori partiranno con l’inizio del 2024 per concludersi entro giugno 2025.

Più in dettaglio, la nuova area Prelievi al piano terra prevede un’ampia sala di attesa attigua alla segreteria, una sala prelievi, due ambulatori specialistici e quattro ambulatori per le terapie individuali sui pazienti in carico alla Medicina Trasfusionale. Non mancherà inoltre un’area ristoro per i donatori e in generale per quanti si sono appena sottoposti al prelievo. Il tutto con una particolare attenzione anche alla funzionalità degli spazi per gli operatori, che potranno contare su uno spogliatoio dedicato e su altri locali di servizio.

Al secondo piano, invece, la nuova area di fisiokinesiterapia vedrà la presenza di due ampi ambulatori polifunzionali e altrettanti studi medici, oltre ad una serie di ambulatori dedicati ai diversi e specifici trattamenti: per la logopedia, per la laserterapia, per il linfedema, per la terapia mediante ultrasuoni e per l’elettroterapia, oltre a due palestre dove poter svolgere gli esercizi di riabilitazione sotto la supervisione degli operatori sanitari.


I commenti

«Il progetto di riqualificazione del Centro Polifunzionale Boldrini rappresenta una grande opportunità – spiega Carlo Bramezza, Direttore Generale dell’ULSS 7 Pedemontana -. I cittadini potranno contare nel cuore di Thiene su una struttura sanitaria più moderna, funzionale e accogliente: perché se è vero che l’area su cui interverremo era già stata in parte ristrutturata negli anni ’90, è anche vero che in trent’anni gli standard di riferimento sono molto cambiati. Grazie ai fondi PNRR daremo così ulteriore sviluppo all’impegno dell’Azienda per valorizzare gli ex ospedali dismessi, a Thiene come a Schio, cosa che per inciso non sempre è accaduta in altri territori: oggi il Boldrini continua a essere un fondamentale riferimento di prossimità per molti servizi socio-sanitari e questa operazione di riqualificazione garantisce che lo sarà ancor di più in futuro». 

«Come amministratori locali – è il commento di Franco Balzi, Presidente della Conferenza dei Sindaci – abbiamo la responsabilità di accompagnare questo cambiamento, integrando gli obiettivi della Missione 6 (Sanità) con quelli della Missione 5 di competenza dei Comuni (Servizi Socio-Sanitari), in particolare di implementazione degli Ambiti Territoriali Sociali ATS. Occorre lavorare affinchè il cittadino possa ricevere i benefici del processo che oggi ci viene richiesto».

«È un progetto importante per la Città e per tutto il territorio – dichiara Gianantonio Michelusi, Sindaco di  Thiene – perché rappresenta una significativa valorizzazione dell’ex Boldrini. Come dice il nome stesso, Casa di Comunità, la struttura si prefigge di essere un luogo di riferimento familiare e di fiducia per i nostri cittadini che vi potranno accedere comodamente per usufruire di una vasta gamma di servizi essenziali ed innovativi. Ringrazio il Direttore Generale, Carlo Bramezza, per l’impegno profuso e per l’attenzione concreta e sollecita al nostro territorio e alle sue esigenze».

Efficienza energetica

Sul piano costruttivo va sottolineato che pur non essendo previsti interventi di riqualificazione energetica per l’accesso al finanziamento, in sede di progetto una particolare attenzione è stata comunque posta anche a questo aspetto: è previsto dunque non solo un nuovo impianto di illuminazione completamente a led, ma anche un sistema di regolazione intelligente che permetterà la creazione di uno “scenario notturno” con il conseguente spegnimento parziale o impostazione ad una luminosità ridotta delle luci, mentre la regolazione dell’impianto termico avverrà per singolo ambiente così da evitare sprechi di energia.

I servizi

Come noto, le Case di Comunità sono un innovativo modello di struttura sanitaria territoriale, che consentirà di mettere a disposizione del cittadino, vicino a casa, tutti i principali servizi a maggiore frequenza di utilizzo. Troveranno dunque collocazione alla Casa di Comunità di Thiene ambulatori di Medici di Medicina Generale e Pediatri di Libera Scelta, ma anche l’Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) e l’Unità di Continuità Assistenziale (UCA), oltre ad ambulatori specialistici per le patologie più diffuse, servizi infermieristici, gli sportelli CUP, i principali servizi diagnostici di base (ad esempio per l’esecuzione di elettrocardiogrammi, spirometrie, esami della retina, etc.), il Punto Prelievi e gli ambulatori della Medicina dello Sport.

Spazi dedicati sono previsti anche per i servizi per la salute mentale, le dipendenze patologiche e la neuropsichiatria infantile e dell’adolescenza. Proprio ai minori sarà rivolta una particolare attenzione, con servizi dedicati nell’ambito delle attività previste dai Consultori Familiari.

Infine, nella Casa di Comunità troveranno collocazione anche gli spazi per le attività di screening rivolti alla popolazione così come per altre iniziative di salute pubblica, incluse le vaccinazioni.

A questi servizi, previsti in tutte Case di Comunità secondo la normativa regionale, il Boldrini affiancherà una nutrita serie di altri servizi ambulatoriali, già oggi presenti e che naturalmente continueranno a far parte della struttura una volta rinnovata.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img
Rilevanti
- Pubblicità -spot_img
Ultime News
- Pubblicità -spot_img