- Pubblicità -spot_img
HomeLe nostre rubricheObesità e salute orale

Obesità e salute orale

- Pubblicità -spot_img

a cura del Dottor Sergio La Bella

Dalla letteratura scientifica odontoiatrica si evincono delle evidenze che mettono in relazione alcune delle patologie orali, non tanto con il sovrappeso o con l’obesità franca, bensì con le abitudini igieniche, con una incompleta informazione sanitaria odontoiatrica e con la sottostima del rischio personale e sociale che il soggetto con difficoltà nel controllo del peso corporeo riserva alla salute orale. 

Una maggior incidenza di carie nei bambini sovrappeso è stata associata da alcuni studi scientifici alla scarsa informazione sanitaria nell’ambito parentale, al raro ricorso a visite di controllo dal dentista e persino al reddito della famiglia del soggetto.

Una maggiore frequenza di parodontopatie nell’adulto, con perdita di elementi dentali, fino all’edentulismo completo è correlata più frequentemente al corteo di patologie associate, che accompagna spesso il paziente sovrappeso o obeso. Pazienti con diabete, ad esempio, mostrano un rischio di contrarre patologie parodontali significativamente superiore rispetto ai gruppi controllo.

Nei pazienti sovrappeso o obesi, una buona prevenzione, fondata su regolari visite periodiche dal dentista, assieme ad un regime di igiene orale domiciliare adeguato, igiene professionale periodica e controllo delle patologie connesse all’obesità, possono ridurre i rischi per la salute orale fino al livello dei pazienti normo peso.

Il ricorso a complesse cure odontoiatriche, oltre al costo individuale che il paziente deve sostenere, rappresentano anche un importante costo sociale. Dei piani di trattamento complessi comportano inabilità temporanee e diverse ore sottratte alle normali attività lavorative. 

È bene richiamare inoltre l’importanza di coltivare una buona salute orale anche in termini di rinforzo dell’autostima, di cui il paziente sovrappeso o obeso spesso necessita. 

Un altro aspetto da non sottovalutare, per il portato sistemico che esso ha nel paziente con difficoltà nel controllo del peso, è la frequente compresenza di apnee ostruttive nel sonno (OSAS), considerate sia in età pediatrica che in età adulta. 

buona ossigenazione dei tessuti nobili, come cervello e cuore, è condizione funzionale essenziale per il mantenimento di un’efficiente attività cardiovascolare, nonché di una normale attività cognitiva.

Difficoltà di concentrazione, di attenzione ed irrequietezza, che si accompagnano spesso alle OSAS del bambino, possono influenzare il rendimento scolastico e condizionare pesantemente la carriera scolastica del soggetto in fase di formazione.

Il dentista può essere di aiuto nel confezionamento di dispositivi MAD (mandibular advancement device), da mettere in bocca durante il sonno per evitare le apnee ostruttive nel sonno.

Per ultimo, il ripristino di una funzione masticatoria corretta può anche contribuire positivamente al controllo di una buona postura corporea sia in statica che in dinamica.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img
Rilevanti
- Pubblicità -spot_img
Ultime News
- Pubblicità -spot_img