- Pubblicità -spot_img
HomeCronacaSoccorsi escursionisti nel bellunese e nel vicentino

Soccorsi escursionisti nel bellunese e nel vicentino

- Pubblicità -spot_img

Di seguito vi riportiamo i soccorsi agli escursionisti avvenuti nel bellunese e nel vicentino nelle giornate del 16 e 17 agosto.

Belluno, 16 – 08 – 23

Attorno alle 14  una squadra del Soccorso alpino della Val Fiorentina assieme al Soccorso alpino della Guardia di finanza di Cortina è intervenuta sotto il Nuvolau, per un’escursionista scivolata sul sentiero riportando una sospetta lussazione alla spalla. La 33enne di Milano è stata trasportata al rendez vous con l’ambulanza.

Il Soccorso alpino della Val di Zoldo è stato inviato nella zona di Casera Pradamilo, Forno di Zoldo, dove due escursionisti milanesi, di 27 e 31 anni, avevano perso l’orientamento a causa degli schianti.

I due sono stati raggiunti e riaccompagnati fino alla macchina. Il Soccorso alpino di Pieve di Cadore ha aiutato il personale sanitario dell’ambulanza per recuperare un ciclista caduto sulla ciclabile di Venas, che si era fatto male a polsi e volto. Passate le 17.30, l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato verso la Ferrata Piazzetta, dove si trovavano bloccati cinque escursionisti non attrezzati con kit da ferrata.

Partiti dal Piz Boè, sbagliando direzione i cinque, tre uomini e due donne austriaci, avevano iniziato la discesa dell’itinerario fino a fermarsi dove il sentiero diventa più impegnativo, senza più potersi muovere. Con il supporto del Soccorso alpino di Livinallongo, l’elicottero ha recuperato con il verricello i cinque e li ha riportati a valle.

Fatto campo base all’Ossario, l’elicottero ha imbarcato un soccorritore, che aveva portato una sacca con gli imbraghi per assicurare il gruppo, sbarcato sulla cengia dove si trovavano i cinque assieme al tecnico di elisoccorso. Mentre il soccorritore predisponeva ciascun escursionista per il recupero, il tecnico di elisoccorso provvedeva poi a issarli a bordo con il verricello: nove verricellate da 40 metri. Gli escursionisti sono stati lasciati all’Ossario e affidati al Soccorso alpino. 

Belluno, 17 – 08 – 23

Questa mattina verso le 9.45 Falco 2 è volato in Cansiglio, in località Valbona, per un ciclista che, caduto con la mountain bike, aveva riportato un probabile trauma cranico.

Il 67enne di San Biagio di Callalta (TV), che era da solo e aveva chiamato di persona il 118, è stato recuperato e trasportato all’ospedale di Belluno. Una squadra del Soccorso alpino di Belluno è intervenuta sui Cadini del Brenton in Valle del Mis, per un 69enne di Venezia, che si era procurato un sospetto trauma al piede, a dare l’allarme il figlio.

Stabilizzato, l’uomo è stato trasportato al rendez vous con l’ambulanza. Il Soccorso alpino di Pieve di Cadore ha raggiunto un ciclista 68enne di San Biagio di Callalta (TV), caduto sulla strada del Monte Tranego e lo ha accompagnato, per un sospetto trauma al ginocchio e varie escoriazioni, in ospedale.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img
Rilevanti
- Pubblicità -spot_img
Ultime News
- Pubblicità -spot_img